Sistema di Governance

Con l'espressione corporate governance si fa riferimento al sistema di amministrazione e controllo della Società, inteso come insieme di regole e procedure volte ad assicurare la gestione efficace ed efficiente dell'impresa, con l’obiettivo di creare valore per gli azionisti nel medio-lungo periodo, tenendo conto degli interessi degli altri stakeholders.

Il sistema di corporate governance di Poste Italiane è stato definito tenendo presenti la normativa generale e speciale applicabile, i principi e le raccomandazioni contenuti nel Codice di Autodisciplina delle Società Quotate cui Poste Italiane aderisce e le best practice in materia.

Poste Italiane è una società emittente titoli quotati sul Mercato Telematico Azionario (MTA) organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A.. Il modello di governance adottato da Poste Italiane è quello "tradizionale" caratterizzato dalla dicotomia tra Consiglio di Amministrazione e Collegio Sindacale; la revisione legale conti è affidata a una Società di Revisione. La gestione finanziaria di Poste Italiane è sottoposta al controllo della Corte dei Conti (legge 21 marzo 1958 n. 259); tale attività è svolta da un Magistrato della Corte dei Conti, che assiste alle sedute del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale.

L'Assemblea degli azionisti ha il compito di prendere le decisioni più rilevanti per la vita della società, fra cui nominare e revocare i componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale e i relativi Presidenti, la società di revisione, prevedendone i compensi. Inoltre, l'Assemblea degli azionisti approva il bilancio, delibera sulle modifiche statutarie e sulle operazioni di carattere straordinario, quali aumenti di capitale, fusioni e scissioni.

Il Consiglio di Amministrazione è composto da 9 membri e si riunisce con cadenza mensile per esaminare e deliberare in merito all'andamento della gestione, ai risultati consuntivi, alle proposte relative al modello organizzativo e a operazioni di rilevanza strategica. In conformità a quanto disposto dal Codice Civile, esso ha delegato parte delle proprie competenze gestionali all'Amministratore Delegato e ha nominato al proprio interno tre Comitati con funzioni propositive e consultive.

I ruoli di Amministratore Delegato e Presidente risultano nettamente separati e ad entrambi compete la rappresentanza della Società.

Il Collegio Sindacale è costituito da 3 membri effettivi e 3 membri supplenti, nominati dall'Assemblea dei soci. Vigila sull'osservanza della Legge e dello Statuto, sul rispetto dei principi di corretta amministrazione e in particolare sull'adeguatezza dell'assetto organizzativo, amministrativo e contabile adottato dalla Società e sul suo concreto funzionamento.  

Il titolo “Poste Italiane” risulta quotato presso il Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. a far data dal 27 ottobre 2015. Pertanto, nel corso del 2016 la Società ha approvato – ai sensi dell’art. 123-bis del D.Lgs 24 febbraio 1998, n. 58 – la Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari relativa all’esercizio 2015.