Stai utilizzando una versione obsoleta di Internet Explorer.
Per una navigazione ottimale del sito ti consigliamo di aggiornare il browser ad una versione più recente: Aggiorna IExplorer

Poste Italiane in tre anni raddoppiato l'utile nettoIl Consiglio di Amministrazione di Poste Italiane S.p.A. (“Poste Italiane” o “Il Gruppo”), presieduto da Maria Bianca Farina, ha approvato ieri la Relazione finanziaria annuale 2019, redatta in conformità ai principi contabili IAS / IFRS, e la Guidance aggiornata per il 2020.

Roma, 6 mar 2020 07:16

·PER IL SECONDO ANNO CONSECUTIVO I RISULTATI SUPERANO GLI OBIETTIVI PREVISTI: NEL BILANCIO 2019 L’UTILE NETTO RADDOPPIA RISPETTO AL 2016

·FORTE CRESCITA DEL RISULTATO OPERATIVO (EBIT) DEL 2019 A € 1,77 MLD (+18,4%), SUPPORTATO DA MAGGIORI RICAVI E MINORI COSTI

·DIVIDENDO PARI A € 0,463 (+5% RISPETTO ALL’ANNO PRECEDENTE) IN LINEA CON L'IMPEGNO PREVISTO NEL PIANO STRATEGICO DELIVER 2022

·OBIETTIVO DI UTILE NETTO INNALZATO A € 1,3 MLD, CON CRESCITA DELLA REDDITIVITÀ SOTTOSTANTE

·I RECENTI EVENTI NON INTERESSANO ATTUALMENTE LA GUIDANCE
 

Principali dati finanziari di Gruppo per il 2019

  • Aumento dei Ricavi, ora pari a € 11.038 milioni (+1,6% rispetto all'esercizio del 2018); ricavi normalizzati1 pari a € 10.659 milioni (+3,2% rispetto all'esercizio del 2018), con un mix di ricavi ricorrenti e sostenibili nei settori chiave.
  • Riduzione del totale costi operativi, che sono pari a € 9.264 milioni (-1,1% rispetto all'esercizio del 2018), con in corso la razionalizzazione dei costi del personale che risulta avanzata rispetto al piano, grazie all'accelerazione delle uscite volontarie; aumento degli altri costi operativi a supporto diretto della crescita e in linea con il Piano Strategico Deliver 2022.
  • Aumento del Risultato operativo (EBIT), che si attesta a € 1.774 milioni (+18,4% rispetto all'esercizio del 2018), al di sopra dell’obiettivo di € 1,6 miliardi previsto per il 2019; risultato operativo (EBIT) normalizzato2 pari a € 1.765 milioni (+5,5% rispetto all'esercizio del 2018) grazie a ricavi più alti e costi ridotti.
  • Aumento del dividendo per azione (DPS): € 0,463 per l'esercizio del 2019, soggetto all'approvazione dell'Assemblea ordinaria degli azionisti; in crescita del 5% rispetto all'esercizio del 2018 e in linea con l’impegno di crescita progressiva del dividendo prevista nel Piano Strategico Deliver 2022.
  • Aumento delle masse gestite (Total Financial Assets - TFA), che ora ammontano a € 536 miliardi (+€ 22 miliardi a partire da dicembre 2018), grazie a dinamiche favorevoli di mercato e a € 2,9 miliardi di raccolta netta positiva.
  • Solido indice di Solvibilità (Solvency II) del Gruppo Poste Vita, pari al 276% a dicembre 2019 (a settembre 2019 era pari al 295%), al di sopra delle ambizioni del management del 200% nell’arco di piano.
  • Accelerazione della spesa per investimenti di Gruppo pari a € 734 milioni (+36,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente), con focalizzazione su un’avanzata infrastruttura IT e sull’automazione, a supporto della trasformazione in corso prevista nel piano Deliver 2022.
  • Evidenze del 2019 per business unit
  • Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione: la crescita dei ricavi dei pacchi continua a compensare il declino accelerato della corrispondenza; crescita della redditività operativa supportata dall’accelerazione della trasformazione.
  • Pagamenti, Mobile e Digitale: consolidamento della leadership nel mercato dei pagamenti digitali, in rapida crescita; i ricavi progrediscono ulteriormente, con una robusta crescita del comparto telecomunicazioni e dei pagamenti con carta.
  • Servizi Finanziari: miglioramento della redditività sottostante; continua crescita dei ricavi ricorrenti da distribuzione (risparmio gestito, prestiti personali e mutui ipotecari).
  • Servizi Assicurativi: consolidamento della leadership nel ramo Vita, con l'offerta multiramo, e crescita in tutte le linee dei prodotti dell'offerta ramo Danni.
  • Guidance per il 2020
  • Gli obiettivi sono aggiornati in funzione della continua crescita della redditività sottostante, tenendo conto della visibilità, ad oggi, sugli sviluppi della situazione del  COVID-19: ricavi: € 11,1 miliardi; risultato operativo (EBIT): 1,8 miliardi; utile netto: € 1,3 miliardi.
  • Poste Italiane è ben posizionata per fronteggiare scenari di stress, grazie a un modello di business diversificato e mirato alle esigenze della clientela retail, a un solido stato patrimoniale e all’assenza di esposizione al rischio di credito verso le imprese.
 
Roma, 6 marzo 2020, il Consiglio di Amministrazione di Poste Italiane S.p.A. (“Poste Italiane” o “Il Gruppo”), presieduto da Maria Bianca Farina, ha approvato ieri la Relazione finanziaria annuale 2019, redatta in conformità ai principi contabili IAS / IFRS, e la Guidance aggiornata per il 2020.
 
Nel commentare i risultati, Matteo Del Fante, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Poste Italiane, ha detto:
“Abbiamo superato per il secondo anno consecutivo i nostri obiettivi finanziari, raddoppiando l’utile netto del 2016, sulla base della crescita dei ricavi ricorrenti e di una continua attenzione alla razionalizzazione dei costi.
 
Di conseguenza, stiamo proponendo un aumento del 5% del dividendo, in linea con l’impegno del Piano strategico Deliver 2022, e aggiornando la nostra guidance per il 2020, con una crescita costante della redditività sottostante.
 
Grazie alla trasformazione industriale, portata avanti negli ultimi anni, Poste Italiane è un'azienda solida e grazie a un modello di business diversificato è ben posizionata per affrontare scenari di stress, come la situazione generata dalla diffusione del Covid-19.
 
Partendo dal presupposto che ci si possa avviare verso una stabilizzazione del contesto, continueremo a monitorare la situazione e a fare tutto quanto in nostro potere per proteggere e supportare in questo momento il nostro personale, i nostri clienti e gli stakeholder. Confidiamo nelle leve operative e gestionali del Gruppo Poste Italiane per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissi.”
 

1Sono escluse le plusvalenze e altre voci.

2Sono escluse le plusvalenze, l’impatto dell’IFRS 9 sulla partecipazione in Visa, gli incentivi all’esodo, minusvalenze, hedging derivati Visa, variazioni fair value e l’accantonamento per i fondi immobiliari.

 

CAPITAL MARKETS UPDATE

2019 RESULTS AND 2020 GUIDANCE

Venerdì 6 marzo 2020 - 13:30 CET
 

VIDEO WEBCAST

https://edge.media-server.com/mmc/p/af9ccx4w


DETTAGLI DELLA CONFERENCE CALL

Italia: +39 06 8750 0896 (Codice identificativo della Conferenza: 3051088)

 

Per maggiori informazioni:
Poste Italiane S.p.A. Investor Relations   
Tel. +39 06 5958 4716                                
Mail: investor.relations@posteitaliane.it   

Poste Italiane S.p.A. Relazioni con i media
Tel. +39 06 5958 2097
Mail: ufficiostampa@posteitaliane.it

Leggi il comunicato stampa integrale in versione pdf

© Poste Italiane 2020 - Partita iva: 01114601006

vai a inizio pagina