Stai utilizzando una versione obsoleta di Internet Explorer.
Per una navigazione ottimale del sito ti consigliamo di aggiornare il browser ad una versione più recente: Aggiorna IExplorer

12,5 mld €

Effetto diretto, indiretto e indotto sul PIL italiano

183 K

Occupati come effetto diretto, indiretto e indotto nel Paese

7,3 mld €

Reddito da lavoro come effetto diretto, indiretto e indotto nel Paese

Il quarto Bilancio Integrato del Gruppo Poste Italiane mira a fornire una descrizione completa della strategia di sostenibilità adottata negli anni dall’Azienda, rappresentando le performance finanziarie, ambientali, sociali e di governance e offrendo una panoramica circa le prospettive future in relazione ai temi materiali per l’Azienda e per gli stakeholder. La Relazione offre una visione chiara dei processi sui quali si basa la creazione di valore condiviso nel breve, medio e lungo termine attraverso le attività portate avanti nel corso dell’anno al fine di promuovere un percorso di crescita sostenibile e profittevole, contribuendo, al contempo, alla crescita sostenibile del Paese. 

Attraverso il Bilancio Integrato, Poste Italiane è in grado di comunicare in maniera completa e dettagliata i propri obiettivi e risultati illustrando l’influenza reciproca che intercorre tra il contesto esterno, la strategia, il modello di business e le forme di capitale finanziario e non-finanziario. In questo modo il Gruppo afferma ancora una volta l’importanza dell’adozione di un approccio integrato alla gestione aziendale, che incorpora nello stesso documento elementi finanziari e di sostenibilità.

L’integrazione della sostenibilità nel business comporta la necessità di porre una continua attenzione agli impatti sociali ed ambientali del Gruppo. Tali impatti sono gestiti grazie a scelte strategiche finalizzate a soddisfare le esigenze degli stakeholder e a raggiungere gli obiettivi di business prestabiliti. Il raggiungimento degli obiettivi è reso possibile grazie all’investimento nelle principali forme di capitale, quali: finanziario, umano, fisico-strutturale, intellettuale, sociale e naturale. Il documento si pone altresì l’obiettivo di rendere chiaro il processo che governa la gestione dei capitali, asset da cui dipende il successo sostenibile del Gruppo ma che, allo stesso tempo, rappresentano elementi impattati da Poste Italiane nello svolgimento delle proprie attività, al fine di contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite.

Al fine di garantire una adeguata rappresentazione della attività svolte, nel 2021 è stata aggiornata la denominazione di due degli otto Pilastri strategici del Gruppo: “Sostegno al territorio e al Paese” e “Decarbonizzazione immobili e logistica”. Rispettivamente, Sostegno al territorio e al Paese è stato rinominato “Valore al territorio” al fine di esprimere al meglio l’impegno del Gruppo nella creazione e nell’erogazione di valore condiviso. Il nome del Pilastro Decarbonizzazione immobili e logistica è invece stato modificato, in “Transizione green” allo scopo di promuovere il nuovo approccio omnicomprensivo adottato dall’Azienda che integra la tematica ambientale in tutti i prodotti, i servizi e i processi di Poste Italiane. Il nuovo nome si pone anche l’obiettivo di rappresentare al meglio la rinnovata strategia green di Poste Italiane che ha l’ambizione di accelerare il processo di transizione energetica in particolar modo attraverso la cosiddetta “Green Challenge” che comprende l’ingresso nel mercato energy con un’offerta 100% da fonti rinnovabili e la compensazione delle emissioni di CO2 tramite lo sviluppo di strumenti ad hoc. Le rivisitazioni dei naming dei due Pilastri rispecchiano inoltre quanto emerso durante la quinta edizione del Forum Multistakeholder, per via della maggiore rilevanza attribuita alle tematiche ambientali e alle tematiche relative alla creazione di valore condiviso per la comunità. 

In linea con gli anni passati, il Bilancio Integrato 2021 presenta al suo interno la Dichiarazione consolidata di carattere non finanziario, integrata nella Relazione sulla Gestione, presente al cap. 9 dello stesso. La DNF è stata redatta in conformità a quanto richiesto dagli articoli 3 e 4 del D.Lgs. 254/2016 e ai “Global Reporting Initiative Sustainability Reporting Standards” definiti dal GRI - Global Reporting Initiative (di seguito “GRI Standards”) secondo l’opzione “in accordance – Core”. Nel cap. 9, al paragrafo “Principi e criteri di reporting” è presente una tabella di raccordo che indica i contenuti informativi richiesti dal Decreto e il relativo posizionamento all’interno del Bilancio Integrato, con lo scopo di rendere più semplice rintracciare tutte le informazioni di carattere non finanziario.
 
Il Gruppo Poste Italiane nel 2021 ha generato impatti sul Paese in termini di Prodotto Interno Lordo (PIL) per un valore complessivo di 12,5 miliardi di euro, oltre a sostenere un totale di circa 183 mila posti di lavoro e a contribuire alle entrate della Pubblica amministrazioni con circa 2 miliardi di euro in termini di gettito fiscale. Inoltre, è possibile stimare che Poste Italiane abbia contribuito direttamente e indirettamente alla distribuzione di redditi ai lavoratori, per un totale di 7,3 miliardi di euro.
 

Gli otto pilastri di Poste Italiane

Introduzione al terzo Bilancio Integrale

Introduzione al quarto Bilancio Integrato

Integrità e trasparenza

Integrità e trasparenza

Valorizzazione delle persone

Valorizzazione delle persone

Diversità e inclusione

Diversità e inclusione

Sostegno al territorio e al paese

Valore al territorio

Customer Experience

Customer experience

Innovazione

Innovazione

Decarbonizzazione immobili e logistica

Transizione Green

Finzanza sostenibile

Finanza Sostenibile