Stai utilizzando una versione obsoleta di Internet Explorer.
Per una navigazione ottimale del sito ti consigliamo di aggiornare il browser ad una versione più recente: Aggiorna IExplorer

12,5 mld €

Effetto diretto, indiretto e indotto sul PIL italiano

189 K

Occupati come effetto diretto, indiretto e indotto nel Paese

7,5 mld €

Reddito da lavoro come effetto diretto, indiretto e indotto nel Paese

Il secondo Bilancio Integrato del Gruppo Poste Italiane

Questa nuova edizione del Bilancio Integrato è frutto di un impegno rinnovato dell’Azienda a rafforzare la propria accountability verso gli stakeholder e, andando oltre gli obblighi normativi, promuove un ulteriore allineamento del reporting aziendale ai principali framework internazionali di riferimento. All’International Integrated Reporting Council (IIRC) e agli standards del GRI – già utilizzati lo scorso anno e rafforzati nella loro applicazione – sono stati aggiunti riferimenti a standard che stanno assumendo importanza crescente in ambito internazionale e tra gli investitori, in particolare SASB (Sustainability Accounting Standards Board), "Material ESG Metrics" presentate al World Economic Forum 2020 e raccomandazioni della Task force for Climate-related Financial Disclosure (TCFD).

Anche grazie all’uso di questi riferimenti metodologici, il Bilancio Integrato si propone come rappresentazione concreta di come il Gruppo, attraverso uno specifico modello di business e una strategia costruita su pilatri ben definiti, sia stato capace di gestire sfide e opportunità che hanno caratterizzato il contesto degli ultimi anni, ottenendo risultati importanti per l’Azienda e per gli stakeholder. Mostrando chiaramente la correlazione tra strategia, governance, modello di business, gestione dei rischi e sviluppo delle forme di “capitale”, il Bilancio Integrato racconta in modo efficace come l’Azienda contribuisca alla creazione di valore condiviso nel tempo.

Poste Italiane è consapevole del proprio ruolo di responsabilità a supporto dello sviluppo del Paese. La posizione di operatore di riferimento nel comparto logistico in Italia e di leadership nel settore finanziario, assicurativo e dei servizi di pagamento, consente all’Azienda di rivestire un ruolo importante, dando un forte contributo alla filiera produttiva e all’economia nazionale: investendo e operando insieme agli altri operatori della sua catena del valore, genera risultati positivi non solo per il proprio business e i propri azionisti, ma anche per cittadini e imprese che vivono e operano sul territorio nazionale.

Nel 2019 le attività operative del Gruppo hanno avuto impatti diretti, indiretti e indotti sull’economia italiana pari a circa 12,5 miliardi di euro di Prodotto Interno Lordo e 2,1 miliardi di euro in termini di gettito fiscale. È possibile stimare, inoltre, che lungo la filiera produttiva sono stati coinvolti complessivamente 189 mila lavoratori. L’utilizzo di questa forza lavoro ha comportato la distribuzione di redditi ai lavoratori per 7,5 miliardi di euro. Questi impatti sono distribuiti su tutto il territorio italiano e sono l’effetto del coinvolgimento di moltissime imprese locali – molte delle quali di dimensioni piccole e medie – nella catena di fornitura e delle attività di investimento in società italiane e in titoli di Stato. Questo sostegno indirizzato a soggetti pubblici e privati influenza positivamente tutta l’economia nazionale.

Osservando il Percorso di sostenibilità di Poste Italiane rappresentato nel presente documento, è possibile comprendere “a colpo d’occhio” che questi effetti e, in generale, tutti gli importanti risultati finanziari raggiunti dall’Azienda negli ultimi anni sono il risultato di un’attenzione particolare data alla gestione integrata di tematiche economiche, sociali e ambientali. Declinate lungo tre direttrici d’intervento che abbracciano Reporting, Strategia e Governance, le azioni intraprese hanno determinato trasformazioni evolutive che, in breve tempo, hanno portato l’Azienda a ottenere anche numerosi traguardi e riconoscimenti esterni.

L’ingresso nei più prestigiosi indici di sostenibilità internazionali è emblematico del successo di tale percorso. Primo in ordine di tempo, è stato l’ingresso nel Dow Jones Sustainability Index, il più prestigioso indice di sostenibilità in cui sono incluse solamente le società ritenute migliori al mondo nella gestione sostenibile del proprio business. A questo sono seguiti ingressi in indici altrettanto importati: Bloomberg Gender-Equality Index (GEI), Euronext Vigeo-Eiris World 120, FTSE4GOOD e il RobecoSAM Sustainability Yearbook 2020 come “Industry Mover”.

Siamo consapevoli che i successi conseguiti non sono un punto di arrivo. I macro-trend a cui stiamo iniziando ad assistere e le sfide del contesto attuale dovranno essere gestite con la responsabilità che ci deriva dall’essere protagonisti per il benessere del Paese.

Per questo, continueremo nel nostro impegno a perseguire obiettivi comuni e basati su valori condivisi e a dare conto dei risultati raggiunti ai nostri stakeholder in modo trasparente e responsabile.

Gli otto pilastri di Poste Italiane

Introduzione al secondo Bilancio Integrale

Introduzione al secondo Bilancio Integrato

Integrità e trasparenza

Integrità e trasparenza

Valorizzazione delle persone

Valorizzazione delle persone

Diversità e inclusione

Diversità e inclusione

Sostegno al territorio e al paese

Sostegno al territorio e al Paese

Customer Experience

Customer Experience

Innovazione

Innovazione

Decarbonizzazione immobili e logistica

Decarbonizzazione immobili e logistica

Finzanza sostenibile

Finanza sostenibile

© Poste Italiane 2020 - Partita iva: 01114601006

vai a inizio pagina