Stai utilizzando una versione obsoleta di Internet Explorer.
Per una navigazione ottimale del sito ti consigliamo di aggiornare il browser ad una versione più recente: Aggiorna IExplorer

Con 158 anni di storia, una rete di oltre 12.800 Uffici Postali, circa 130 mila dipendenti, 536 miliardi di euro di attività finanziarie totali e 35 milioni di clienti, Poste Italiane è parte integrante del tessuto economico, sociale e produttivo del Paese e rappresenta una realtà unica in Italia per dimensioni, riconoscibilità, capillarità e fiducia da parte della clientela. 

Quotata alla Borsa di Milano dal 2015, Poste Italiane ha un flottante di circa il 35% di cui una quota di circa il 10% divisa tra azionisti retail e il restante detenuto da alcuni tra i più importanti fondi istituzionali a livello globale. Il 65% delle azioni è poi ripartito tra Ministero dell’Economia, che ne detiene una quota del 29,26%, e da Cassa depositi e prestiti che possiede una quota del 35%.

Poste Italiane è oggi la più grande realtà del comparto logistico in Italia ed è leader nel settore finanziario, assicurativo e dei servizi di pagamento. L’Azienda riveste un ruolo importante nel Paese, dando un forte contributo alla filiera produttiva e all’economia nazionale: investendo e operando insieme agli altri operatori della sua catena del valore, genera risultati positivi non solo attraverso il proprio business, ma anche generando esternalità tramite l’attivazione di una catena di fornitura locale. 

Con un fatturato di oltre 11 miliardi di euro, le attività del Gruppo generano significativi impatti sul Paese in termini di Prodotto Interno Lordo, gettito fiscale, occupazione e reddito delle famiglie. Questi impatti sono l’effetto del coinvolgimento di moltissime imprese locali – molte delle quali piccole e medie – nella catena di fornitura e delle attività di investimento in società italiane e in titoli di Stato. Questo sostegno indirizzato a soggetti pubblici e privati influenza positivamente tutta l’economia nazionale. 
 
La capacità di generare valore
il Piano Strategico Deliver 2022 ha l’obiettivo di massimizzare il valore di quella che è la più grande rete di distribuzione in Italia, rispondendo alle esigenze in continua evoluzione dei clienti e cogliendo nuove opportunità di business verso la digitalizzazione. Il Piano consentirà di capitalizzare a pieno i punti di forza che rendono unica la rete di Poste Italiane che conta più di 12.800 Uffici Postali. 

Motore di questo processo di creazione di valore nel tempo è un modello di business che, valorizzando tutti i capitali su cui si fonda l’Azienda, consente di raggiungere gli obiettivi che il Gruppo si è posto per ciascun settore di operatività in un Piano Strategico integrato con gli obiettivi ESG. Grazie a un modello di business sostenibile diventa possibile affrontare le nuove sfide offerte da scenari sempre più mutevoli e competitivi non soltanto reagendo ai rischi, ma cogliendone tutte le opportunità senza ignorarne le implicazioni sociali. 

Poste Italiane si è dimostrata in grado di trasformare le sue strutture operative e i suoi prodotti e servizi, attraverso investimenti continui in tecnologia e know-how, trasformando le sfide del mercato in opportunità di creazione di valore condiviso. 
La strategia si fonda su diverse tipologie di capitale in cui Poste Italiane investe e che sono parte integrante del suo modello di business: finanziario, fisico-strutturale, intellettuale, umano, sociale-relazionale e naturale. L’utilizzo di questi capitali consente a Poste Italiane di offrire sul mercato prodotti e servizi e creare impatti di tipo economico, ambientale e sociale. 

La corretta gestione dei capitali anche in un’ottica ESG fa parte della nostra visione di azienda sostenibile e il percorso intrapreso nell’ultimo triennio è costituito da molte tappe rappresentative di questa visione che hanno coinvolto la strategia, la governance e i sistemi di reporting e hanno determinato importanti trasformazioni evolutive che in breve tempo hanno portato l’Azienda a raggiungere nel 2019 numerosi traguardi. 

Lo sforzo che l’Azienda ha compiuto per realizzare un percorso di sostenibilità strutturato e pienamente coerente con gli obiettivi di business ha portato il Gruppo ad ottenere dei grandi riconoscimenti nel corso dell’anno. Primo in ordine di tempo, è stato l’ingresso nel Dow Jones Sustainability Index, il più prestigioso Indice di sostenibilità in cui sono incluse solamente le società ritenute migliori al mondo nella gestione sostenibile del proprio business. Essere ammessi sia nel segmento World sia nel più restrittivo segmento Europe rappresenta motivo di ulteriore orgoglio per il Gruppo.
A questo sono seguiti altri ingressi in Indici altrettanto importati: Bloomberg Gender-Equality Index (GEI), Euronext Vigeo-Eiris World 120, FTSE4GOOD e il RobecoSAM Sustainability Yearbook 2020 come “Industry Mover”. 
 
Corrispondenza, pacchi e distribuzione
 Le attività che comprendono servizi di recapito, logistica, pacchi e corriere espresso rappresentano da sempre l’identità di Poste Italiane, che fornisce anche il Servizio Universale. La sua rete possiede caratteristiche uniche e conta su circa 27 mila portalettere e 1.543 centri di recapito. Nel 2019 ha smistato oltre 2,7 miliardi di pezzi di corrispondenza e 148 milioni di pacchi, numeri che collocano Poste Italiane in una posizione privilegiata per cogliere le opportunità legate alla crescita dell’e-commerce, grazie anche a un consolidato know-how nel settore dei pagamenti e del digitale.
 
Pagamenti, Mobile e Digitale
Poste Italiane è uno dei principali operatori nei sistemi di pagamento del Paese, potendo disporre di una piattaforma distributiva multicanale integrata che si avvale della rete fisica degli Uffici Postali e di una infrastruttura digitale all’avanguardia. Poste Italiane al 31 dicembre 2019 ha emesso 28,7 milioni di carte di pagamento; le carte Postepay Evolution sono aumentate del 15% rispetto al 2018, raggiungendo quota 7,2 milioni. 

Nel corso dell’anno il numero di clienti registrati ai canali digitali (web e App) di Poste Italiane ha raggiunto i 20,8 milioni, le Identità digitali Poste ID attivate hanno toccato quota 4,1 milioni e al 31 dicembre 2019 le App di Poste Italiane sono state scaricate 30,8 milioni di volte; ogni giorno sono 2 milioni gli accessi al sito Internet o alle App. 
 
Prodotti finanziari e assicurativi
Poste Italiane può vantare una posizione di primo piano per la distribuzione di prodotti di risparmio e di finanziamento grazie alla sua rete distributiva e al patrimonio di affidabilità che da sempre caratterizza il suo marchio. Colloca in esclusiva, per conto di Cassa Depositi e Prestiti, i prodotti del risparmio postale - Libretti e Buoni Fruttiferi Postali - e mette a disposizione dei clienti servizi di conto corrente, prodotti di risparmio gestito, assicurativi e di credito al consumo. 

I servizi assicurativi vengono offerti dal Gruppo Poste Vita, che mette a disposizione dei clienti soluzioni per la previdenza integrativa, la tutela della persona e dei propri beni e la gestione del risparmio. Il Gruppo è leader italiano nel settore vita e nel 2019 ha registrato ricavi pari a 1.669 miliardi, in crescita del 13,5% sul 2018 con riserve tecniche che hanno superato i 140 miliardi di euro. Nel ramo vita Poste Italiane ha puntato sulla diversificazione, favorendo il passaggio dai prodotti a capitale garantito verso quelli multiclass, che rappresentano ora il 35% della nuova produzione. Inoltre, durante l’anno ha accelerato nel percorso di sviluppo di prodotti del ramo danni, i cui ricavi nel 2019 sono aumentati del 17,4% attestandosi a 158 milioni di euro, in linea con il processo di diversificazione dell’offerta assicurativa del Gruppo previsto nel piano Deliver 2022. Al 31 dicembre 2019, il coefficiente di solvibilità (Solvency II) del Gruppo Poste Vita era pari al 276%.
 
Il Piano ESG di Poste Italiane
Nell’ultimo triennio Poste Italiane ha intrapreso un importante percorso di sostenibilità orientato a promuovere gli elementi distintivi della propria strategia aziendale e a trasformare le sfide del mercato in opportunità di creazione di valore condiviso per lo sviluppo del Paese. L’Azienda ha definito i suoi obiettivi di sostenibilità in un piano ESG (Environmental, Social, Governance) integrato nel piano strategico Deliver 2022, mettendo in atto specifiche azioni, come ad esempio l’adesione all’United Nations Global Compact (UNCG), con l’obiettivo di promuovere una cultura aziendale orientata alla sostenibilità lungo l’intera catena del valore. 
 
Innovazione e digitalizzazione
L’innovazione e la digitalizzazione rappresentano per Poste Italiane il cuore pulsante per la promozione del cambiamento e lo strumento chiave per accompagnare i propri clienti nel processo di trasformazione digitale. Nell’ambito di tale percorso, l’Azienda è impegnata ad adottare un approccio fortemente inclusivo, teso a favorire l’accessibilità ai nuovi strumenti tecnologici da parte di tutti i propri clienti. 

Diversity & inclusion
Con oltre la metà della propria forza lavoro rappresentata da donne (69 mila, il 55% della forza lavoro), Poste Italiane ha un ruolo di grande responsabilità a supporto delle pari opportunità nell’intero sistema Paese. Il 59% degli uffici postali è diretto da una donna, e l’azienda conta una presenza femminile del 44% nel Cda, del 34% in posizioni di leadership e del 22% nelle posizioni con funzioni esecutive. 

Tra le iniziative trasversali, Poste Italiane ha costituito, nell’ambito delle politiche di welfare e di inclusione sociale, la funzione People Care e Diversity Management in ambito Risorse Umane e Organizzazione, con l’obiettivo di identificare e risolvere i fattori che impediscono alle persone, con qualsiasi tipo di diversità/disabilità, di accedere al lavoro, migliorando al contempo i processi di inclusione lavorativa e valorizzando le competenze. 
 
Integrità e trasparenza
Etica e trasparenza rappresentano per Poste Italiane i più alti valori su cui è fondata l’identità aziendale, principi fondamentali che guidano nella conduzione del proprio business fondato per sua natura sulla fiducia, e nella gestione delle relazioni con tutti i suoi stakeholder. Rilievo strategico è, quindi, riconosciuto dall’Azienda all’osservanza delle normative e dei codici di condotta interni ed esterni, al rispetto delle regole e alla massima correttezza, senza alcun conflitto tra interessi aziendali e personali. Nel 2019 Poste Italiane ha confermato il proprio “rating di legalità” ricevendo nuovamente dall’AGCM il massimo punteggio di tre stelle e rientrando nel 6% delle aziende che hanno ottenuto tale riconoscimento. 
 
La nostra Governance
Poste Italiane è una società emittente titoli quotati sul Mercato Telematico Azionario (MTA) organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. a partire dal 27 ottobre 2015. Al 31 dicembre 2019 la Società è partecipata per il 29,3% dal Ministero dell’Economia e della Finanze (MEF), per il 35% da Cassa Depositi e Prestiti, a sua volta controllata dal MEF, e per la residua parte da investitori istituzionali e retail. 
Sulla base del numero delle azioni in circolazione alla data del 5 novembre 2019, pari a 1.300.852.035, l’ammontare complessivo dell’acconto è stato di 200 milioni di euro. 

L’assetto di Corporate Governance riflette le disposizioni contenute nel D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 (TUF) ove applicabili, le Disposizioni di Vigilanza emanate da Banca d’Italia applicabili a Poste Italiane in ragione delle attività condotte per il tramite del Patrimonio destinato BancoPosta, la normativa applicabile agli Istituti di moneta elettronica per le attività svolte da Poste Italiane in esecuzione degli accordi sottoscritti con PostePay – patrimonio IMEL, nonché le raccomandazioni del Codice di autodisciplina delle società quotate promosso da Borsa Italiana vigente alla data del 31 dicembre 2019. Il modello di governance adottato è quello tradizionale, caratterizzato dalla dicotomia tra Consiglio di Amministrazione e Collegio Sindacale; la revisione legale dei conti è affidata a una Società di Revisione.

La gestione finanziaria di Poste Italiane è sottoposta al controllo della Corte dei Conti (legge 21 marzo 1958 n. 259); tale attività è svolta da un Magistrato della Corte dei Conti, che assiste alle sedute del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale.
 

Per saperne di più su

I risultati finanziari

I nostri manager

Le innovazioni

© Poste Italiane 2020 - Partita iva: 01114601006

vai a inizio pagina