dcsimg

Stai utilizzando una versione obsoleta di Internet Explorer.
Per una navigazione ottimale del sito ti consigliamo di aggiornare il browser ad una versione più recente: Aggiorna IExplorer

Trend di mercato L’attività del gruppo Poste Italiane inserita nel contesto macro-economico italiano.

Il contesto macroeconomico italiano

 
L’attività economica mantiene un trend positivo nel primo trimestre 2017, in un contesto di migliorata profittabilità delle imprese e di intensificazione dell’attività di investimento, anche grazie agli incentivi fiscali.
 
I dati attuali evidenziano un moderato trend di crescita dei consumi delle famiglie, anche per effetto di una riduzione della propensione al risparmio. L’inflazione è tornata su valori positivi. Migliora la fiducia dei consumatori, con prospettive positive per la situazione occupazionale, mentre le imprese lamentano una insufficiente offerta di credito a causa della difficile situazione delle sofferenze del sistema bancario.
 
L’orientamento positivo dei livelli di attività economica per i prossimi mesi è confermato dalle previsioni dell’Istat e della Banca d’Italia, anche se gli appuntamenti politici europei potrebbero influire sull’economia italiana.
 

Trend macro

  • Gestione del risparmio
  • Carte di pagamento
  • E-commerce
  • Flussi migratori
  • Digitalizzazione



Recupero posizioni dell'Italia

  • Obbligazioni governative 13,4% del risparmio in Italia vs. 4,9% media EU1
  • Italia: ~ 70 transazioni online a persona ogni anno vs. ~ 200 in EU2
  • E-commerce ~ 3% in Italia vs. 7% EU3



Posizionamento Poste Italiane

  • Leader nella raccolta del risparmio gestito con 469 mlddi depositi
  • 51% di quota di mercato nel segmento carte prepagate
  • Piattaforma distributiva dell’ "ultimo miglio" per il B2C unica nel segmento e-commerce
  • 45% di quota di mercato nei conti correnti dei "nuovi italiani



Il mercato dei servizi finanziari

  • Mercati finanziari. Nel corso dei primi tre mesi del 2017, in un contesto caratterizzato da ottimismo sulla ripresa della crescita internazionale, è proseguito il rialzo degli indici azionari in tutte le principali economie avanzate. Le performance del listino azionario italiano sono risultate in linea con le altre Borse mondiali.
     
  • Sistema creditizio. Nel primo trimestre del 2017 la raccolta complessiva delle banche italiane presso i risparmiatori residenti ha registrato una lieve crescita. I finanziamenti bancari hanno evidenziato una dinamica positiva, in linea con quanto avvenuto nella seconda parte del 2016. Le sofferenze del sistema bancario al netto delle svalutazioni ammontano a 77 miliardi di euro a febbraio 2017, in diminuzione di circa 9 miliardi di euro rispetto al dato di dicembre 2016. Il tasso medio applicato sui finanziamenti a famiglie e imprese continua a mantenersi su livelli molto bassi, arrivando a marzo 2017 al 2,82%.


Il mercato assicurativo

Sulla base dei dati ufficiali disponibili, nel corso dei primi due mesi del 2017 la nuova produzione di polizze vita individuali raccolta in Italia dalle imprese italiane e dalle rappresentanze di imprese extra UE, comprensiva dei premi unici aggiuntivi, ha raggiunto 13,5 miliardi di euro, in diminuzione del 24,3% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente.

L’andamento per tipologia di ramo/prodotto evidenzia una diminuzione del 36,1% dei premi di Ramo I. Sensibilmente negativo (-53,6%) anche l’andamento della raccolta dei nuovi premi di polizze di Ramo V. La rimanente quota della nuova produzione vita ha riguardato quasi esclusivamente il Ramo III (nella forma unit-linked), che evidenzia nei primi due mesi dell’anno un volume di nuovi premi di 4,1 miliardi di euro, in crescita del 32,6% rispetto all’analogo periodo del 2016.

Positivo anche l’andamento del volume dei contributi per nuove adesioni ai piani pensionistici individuali, che ha registrato un incremento del 15,4% rispetto all’analogo periodo del 2016.
 


Il mercato dei servizi postali

Nel corso del primo trimestre del 2017 è proseguito il trend di flessione dei volumi, in linea con le tendenze sperimentate dai principali operatori postali europei. Tale flessione continua a mostrare velocità e intensità diverse tra gli operatori, riflettendo fattori nazionali.

Il mercato italiano continua a essere caratterizzato da un minore utilizzo di strumenti di comunicazione e rendicontazione cartacea. Gli interventi dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni effettuati negli ultimi anni sulle modalità di erogazione del Servizio Universale consentono di procedere nell’attuazione del Piano di trasformazione del servizio postale, necessario per poter continuare a servire con efficacia il cittadino nei suoi nuovi bisogni dell’era digitale.

Prosegue invece la crescita del mercato dei servizi di Corriere Espresso e Pacchi, trainata principalmente dallo sviluppo dei volumi legati all’e-Commerce.
 
Per saperne di più sui trend macro-economici e dei mercati di riferimenti:
Vedi il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2017
Vedi la Relazione Finanziaria Annuale 2016  



1.Banca d’Italia 2015, include buoni del tesoro e altre obbligazioni
2.Fonte: CashlessCity di Cartasì, Visa, Mastercard, UBI Banca
3.Calcolato come percentuale dei ricavi online  vs. totale ricavi retail nei principali Paesi europei; la media EU include Francia ,Germania, Italia, Spagna e Regno Unito
4.1Q 2017

Per saperne di più su

Le aree di business

I risultati finanziari

© Poste Italiane 2018 - Partita iva: 01114601006

vai a inizio pagina