Stai utilizzando una versione obsoleta di Internet Explorer.
Per una navigazione ottimale del sito ti consigliamo di aggiornare il browser ad una versione più recente: Aggiorna IExplorer

Politica in materia di Diversità e Inclusione Il Gruppo Poste Italiane è impegnato nel sostegno dei valori della diversità e dell’inclusione attraverso l’adozione di meccanismi societari, organizzativi e gestionali improntati al rispetto dei diritti e della libertà delle persone

Obiettivo di primaria importanza per il Gruppo è quello di voler incentivare lo sviluppo di una cultura d’impresa fondata sul rispetto e la valorizzazione della diversità. 

Il Gruppo Poste Italiane è impegnato nel sostegno dei valori della diversità e dell’inclusione attraverso l’adozione di meccanismi societari, organizzativi e gestionali improntati al rispetto dei diritti e della libertà delle persone. In tale direzione, il percorso intrapreso mira ad evolvere le modalità di presidio delle tematiche legate alla diversità, passando da un approccio volto alla tutela ed integrazione della “diversity” a una strategia proattiva per il superamento di ogni stereotipo culturale e per identificare e risolvere i fattori che impediscono alle persone l’inclusione lavorativa.

L’azienda opera secondo imparzialità e non ammette alcuna forma di discriminazione diretta o indiretta.

Promuove inoltre le condizioni che consentono di rimuovere gli ostacoli culturali, organizzativi e materiali che limitano l’espressione piena delle persone e la loro completa valorizzazione all’interno dell’organizzazione.

Il Gruppo Poste Italiane preserva il valore del proprio personale e ne promuove la tutela dell’integrità psicofisica, morale e culturale attraverso condizioni di lavoro rispettose della dignità individuale e delle regole comportamentali.
 
In linea con quanto già affermato all’interno del Codice Etico e nella Politica Aziendale in materia di tutela e protezione dei Diritti Umani, Poste Italiane ha adottato una specifica Policy Diversity and Inclusion allo scopo di incentivare una cultura aziendale basata sul rispetto e sulla valorizzazione della diversità e con l’intento di identificare un focus chiaro e strutturato sul tema. Lo scopo è, altresì, quello di incentivare la diversità in tutte le sue dimensioni in modo da poter creare valore all’interno degli ambienti lavorativi e permettere una valutazione più efficace del rischio collegato al verificarsi di discriminazioni dentro l’Azienda.

Il documento punta a sviluppare un approccio chiaro in termini di missione, strategie e pratiche attive al fine di stimolare un ambiente di lavoro collaborativo, solidale aperto ai contributi di tutti i dipendenti e le dipendenti per aumentare la fiducia delle persone, dei clienti e, in generale, della società civile.

Il Gruppo vede nella diversità un valore da proteggere e incoraggiare con azioni concrete e pervasive in tutti i processi organizzativi e gestionali, basandosi sul rispetto e sul valore delle persone, affinché ognuno si senta incluso e possa dare il meglio di sé. 
In particolare, la Politica definisce le 4 dimensioni della diversità per Poste Italiane:
  • Genere. Il percorso intrapreso si snoda in oltre 10 progetti a sostegno dell’equità di genere volti a rimuovere gli ostacoli allo sviluppo di carriera del genere femminile. In particolare, il Gruppo contempla il rafforzamento dei sistemi di governace per la progressione di carriera; la progettazione di focus group compositi per l’emersione dei principali pregiudizi consapevoli o inconsapevoli che impattano sulla leadership inclusiva; il potenziamento dei meccanismi di work life adjustment in termini di conciliazione e condivisione delle responsabilità familiari e l’adesione al percorso per la certificazione Equal Salary, per verificare e rendere pubblica l’equità retributiva tra donna e uomo all’interno dell’organizzazione. Inoltre, tenendo conto della crescente attenzione culturale all’orientamento sessuale e alla prevenzione delle molestie di genere nei luoghi di lavoro, il Gruppo ha esteso a tutta la popolazione aziendale un programma informativo di sensibilizzazione. L’obiettivo è quello di offrire una panoramica del fenomeno delle molestie e dei relativi impatti sulle persone e sulle organizzazioni, con lo scopo di rafforzare la cultura del rispetto nell’ambiente lavorativo;
  • Generazioni. Poste Italiane promuove strategie integrate a favore del dialogo e dello scambio intergenerazionale all’interno dell’Azienda, anche in considerazione delle prospettive demografiche e dei relativi impatti sul turnover. A tale scopo il Gruppo promuove la contaminazione delle differenti esperienze sociali, culturali e lavorative, oltre che delle diverse abilità, conoscenze e competenze tipiche di ciascuna generazione, incoraggiando il confronto in una logica di complementarità e apertura necessaria a favorire lo scambio di esperienze a supporto dell’inclusione e possibilità di impiego;
  • Disabilità. L’Azienda ha avviato azioni di sensibilizzazione collettiva al fine di identificare preventivamente situazioni di vulnerabilità favorendo l’inserimento e una qualità del lavoro adeguata a coloro che presentino disabilità di tipo sensoriale, motorio o cognitivo. In tale contesto, Poste Italiane si impegna a sviluppare politiche di intervento che favoriscano la diffusione di una cultura d’impresa inclusiva e l’introduzione di un’identità distintiva rispetto alle situazioni di fragilità;
  • Interculturalità. Nell’obiettivo di favorire la contaminazione di culture ed esperienze differenti sono state progettate iniziative pluriennali di envisioning e di disseminazione di saperi negli ambienti organizzativi e manageriali in un’ottica di maggiore pervasività ed in funzione di una visione interculturale, aperta al confronto multilivello che sia improntata alla cooperazione organizzativa e sociale.

L’affermazione di una cultura inclusiva è un percorso culturale in grado di arricchire il bagaglio esperienziale del personale durante l’intero ciclo del percorso lavorativo, con benefici individuali e collettivi. Per questo, l’Azienda si sta impegnando, in misura crescente e sistematica, con azioni sinergiche per mettere a punto modelli di analisi e indicatori coerenti con i processi di people management. Il sistema consentirà di apprezzare scenari, obiettivi e metriche di valutazione da rendere visibili e trasparenti sia all’interno del contesto organizzativo che degli stakeholder di riferimento. 

Le principali iniziative promosse in ambito Diversity & Inclusion vengono presidiate in ambito Risorse Umane  e Relazioni Industriali attraverso la funzione People Care e Diversity Management, introdotta nel 2019, all’interno della quale è stato formalizzato un nuovo referente con il ruolo di promuovere l’implementazione delle iniziative progettuali previste nel Piano Diversity & Inclusion, curando inoltre le attività di program management per i progetti interfunzionali. Inoltre, l'Azienda partecipa attivamente a tavoli di lavoro interaziendali su tali tematiche valorizzando le collaborazioni con primarie associazioni di settore (es. Valore D, Sodalitas, etc.).

Per garantire un allineamento ai trend e alle best practice di mercato è stata potenziata l’attività del Centro Studi HR anche attraverso l’evoluzione del sito online dedicato, a disposizione di tutti i colleghi della famiglia professionale Risorse Umane e Organizzazione, con contenuti selezionati, organizzati in aree tematiche presentate con modalità editoriali innovative. La nuova piattaforma, improntata ad una modalità user friendly, incentiva lo scambio delle informazioni, la socializzazione di esperienze e l’ampia condivisione di contenuti e approcci a sostegno della cultura inclusiva e in generale del benessere delle persone. Il Centro Studi HR partecipa, inoltre, a tavoli interaziendali confrontandosi anche con associazioni ed istituzioni per generare nuove opportunità, visioni e orientamenti abilitanti rispetto agli obiettivi aziendali.

In particolare, consapevole dell’importanza della presenza femminile, Poste Italiane è da anni in prima linea a fianco delle donne per garantire le pari opportunità e contrastare la violenza di genere. Grazie all’ “Accordo Quadro sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro”, Poste rinnova il proprio impegno e il proprio dovere nel garantire un ambiente di lavoro in cui siano assicurati il rispetto e la dignità per ciascun individuo e incoraggiate le relazioni interpersonali basate su principi di eguaglianza e di reciproca correttezza. Il Gruppo, quindi, non tollera alcuna forma di molestia o di violenza negli ambienti lavorativi.

Nel 2021, l’Azienda ha ribadito il proprio impegno contro la violenza di genere introducendo un nuovo progetto finalizzato a favorire l’autonomia abitativa di donne vittime di violenza, sostenendone concretamente l’inclusione sociale. Nell’ambito del progetto, sono stati individuati 10 alloggi su tutto il territorio nazionale appartenenti al patrimonio immobiliare di Poste Italiane, da riservare all’autonomia abitativa di donne e dei loro figli minori che si trovano in condizione di particolare disagio economico. L’iniziativa include circa 40 donne l’anno, di cui una parte ricomprende anche dipendenti vittime di episodi di violenza.

L’iniziativa è frutto di una stretta collaborazione con due associazioni a difesa delle donne attive su tutto il territorio nazionale, D.i.Re. e Differenza Donna, a cui gli appartamenti sono concessi in comodato d’uso per l’assegnazione alle donne individuate.

Restando in ogni caso fermi i requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza, nonché le situazioni di incompatibilità e/o decadenza, previsti dalla legge, dalle disposizioni regolamentari e dallo Statuto sociale, la Politica affronta i temi relativi a età e anzianità di carica, genere, provenienza geografica ed esperienze internazionali. In aggiunta a quanto sopra, si evidenzia che la Politica raccomanda specifiche competenze professionali in materia finanziaria o di politiche retributive e in materia contabile e finanziaria o di gestione dei rischi, oltre che un'adeguata competenza nel settore di attività in cui opera la Società, funzionale a valutare i relativi rischi.