Stai utilizzando una versione obsoleta di Internet Explorer.
Per una navigazione ottimale del sito ti consigliamo di aggiornare il browser ad una versione più recente: Aggiorna IExplorer

Modello di Business Processo di creazione del valore in Poste Italiane.

Con 35 milioni di clienti, Poste Italiane ha di gran lunga la base clienti più grande d’Italia, con 11 milioni di interazioni quotidiane di cui 4,7 milioni attraverso canali digitali. Attraverso l’impegno in termini di qualità e responsabilità sociale, siamo in grado di guadagnare quotidianamente la fedeltà dei clienti in tutti i nostri business.
Gli italiani ci affidano i loro risparmi, contano sui nostri prodotti assicurativi, utilizzano le nostre carte e SIM e soprattutto vengano da noi per spedire pacchi e lettere.
Abbiamo 27 milioni di clienti di risparmio postale con una raccolta netta record pari a €15 milioni nel 2020
Il lapse rate dei prodotti assicurativi è pari a 2,5% rispetto ad una media di mercato del 5,5%.
Anche nel mondo molto competitive del mercato telco i nostri clienti rimangono con noi: abbiamo un churn rate pari al 13% rispetto ad una media del 20%

Poste Italiane ha un ruolo importante in termini di innovazione e digitalizzazione del Paese, è in grado di connettere l’Italia nel nuovo hybrid world.
Diventeremo l’unico entry point per tutte le esigenze degli italiani.
Poste è l’unica azienda in grado di collegare le PMI, la Pubblica Amministrazione ed i cittadini.
Abbiamo un ruolo primario nel trasformare lo scenario italiano dell’e-commerce.
Nel 2020, il 37% delle consegne B2C sono state effettuate attraverso la rete di Poste Italiane con 210 milioni di pacchi consegnati e circa 400 milioni di transazioni effettuate con i nostri mezzi di pagamento.
Siamo impegnati nel rafforzare e facilitare il rapporto tra i cittadini e le Pubbliche Amministrazioni con oltre 15 milioni di identità digitali (SPiD) con una quota di mercato oltre l’80%.

L’attività di business di Poste Italiane, oltre a generare impatti diretti (ovvero strettamente legati all’attività economica dell’Azienda), richiede l’acquisto di beni e servizi prodotti da altre imprese (generando impatti indiretti) e consente alle famiglie che hanno ricevuto un reddito grazie al lavoro svolto per il Gruppo e i suoi fornitori di acquistare nuovi beni e servizi (generando impatti indotti). Poste Italiane fornisce, inoltre, un quadro del Valore economico generato e distribuito dall’Azienda ai propri stakeholder quali fornitori, dipendenti, finanziatori, comunità, Pubblica Amministrazione e azionisti.

La figura esemplifica l’interazione tra strategia, il processo di creazione di valore e le forme di capitale finanziario e non-finanziario che caratterizzano il modello di business di Poste Italiane.


 


Le principali forme di capitale utilizzate da Poste Italiane per creare valore nel tempo
Il business di Poste Italiane si fonda su capitali caratterizzati da eterogeneità che hanno una propria identità e determinate qualità. Ciò permette sia di declinarli in modo specifico che misurarli attraverso indicatori di performance: la tabella che segue evidenzia le peculiarità di ogni capitale rimandando ai paragrafi del presente documento in cui ne viene fornita una più ampia descrizione.
 
   CAPITALE   I PRINCIPALI INPUT     GLI OUTCOME  
Finanziario
  • Risorse del piano di continuità del business
  • Patrimonio netto e passivo
  • GRI 201-1 Valore economico generato, distribuito e trattenuto
  • FS 11 Percentuale degli investimenti sottoposti a screening negativo e/o positivo su aspetti sociali/ambientali
Fisico-strutturale
  • Dati sulla flotta aziendale
  • Dati sulla flotta per il trasporto aereo
  • GRI 102-7 Dimensione organizzativa dell’organizzazione
  • Numeri dei servizi digitali offerti
  • Numeri dei contatti gestiti
  • GRI 305 Emissioni
  • GRI 306 Rifiuti
  • GRI 305-4 Intensità delle emissioni di GHG riferite alle strutture immobiliari
  • Rendicontazione scarichi idrici
  • Dematerializzazione delle pratiche e delle transazioni corrispondenti
Intellettuale
  • Risorse del piano di continuità del business
  • GRI 205-1 Società analizzate per rischio corruzione e copertura dei processi a rischio corruzione con interventi di audit
  • Formazione su procedure e politiche relative all’anticorruzione
  • 207-1 Approccio alla fiscalità
  • GRI 205-3 Segnalazioni gestite dal comitato whistleblowing
  • GRI 418 Privacy dei clienti
  • Sicurezza IT e violazioni della sicurezza informatica
  • Numero di clienti coinvolti in violazioni della sicurezza IT
  • Casi di corruzione e concussione e azioni correttive
  • Pratiche anti-concorrenziali
  • GRI 415-1 Contributi politici
Umano
  • GRI 102-8 Numero di dipendenti per tipologia di contratto e genere
  • GRI 401 Occupazione
  • GRI 403-5 Formazione dei lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro
  • GRI 404 Formazione e istruzione
  • GRI 405 Diversità e Pari opportunità
  • GRI 412 Valutazione del rispetto dei diritti umani
  • Numero dei partecipanti ai programmi di sviluppo
  • Numero di ore di formazione medie annue per dipendente
  • Programmi di formazione e sviluppo dei dipendenti
  • Evoluzione del personale (turnover dei dipendenti)
  • GRI 403-9 Infortuni sul lavoro
  • Diversità
  • Numero di casi di non conformità alle norme sul lavoro
  • Numero di contenziosi con i dipendenti
Sociale-relazionale
  • Fornitori dotati di un sistema di gestione ambientale certificato ISO 14001 o EMAS 
  • GRI 402 Relazioni industriali
  • GRI 203-1 Contributi ad attività filantropiche e/o ad attività di cittadinanza d'impresa
  • Gare avviate in cui sono considerati specifici criteri sociali
  • Numero contatti gestiti
  • Soddisfazione dei clienti
  • GRI 203 Impatti economici indiretti 
  • Qualità del Servizio postale universale
  • Esperienza dei clienti negli Uffici Postali
  • Reclami dei clienti per tipologia
  • Reclami mensili
  • Conciliazioni
  • Incidenza dei nuovi clienti nelle categorie più a rischio di esclusione finanziaria sul totale delle nuove acquisizioni
  • FS14 Gli ATM per l’inclusione
  • FS14 Uffici Postali per l’integrazione culturale
Naturale
  • GRI 301 Materiali
  • GRI 302 Energia
  • GRI 303 Acqua e scarichi idrici
  • Costi totali dell'energia acquistata per le strutture immobiliari
  • Gare avviate in cui sono considerati specifici criteri ambientali
  • GRI 305 Emissioni
  • GRI 306 Rifiuti
  • GRI 305-4 Intensità delle emissioni di GHG riferite alle strutture immobiliari
  • Rendicontazione scarichi idrici
  • Peso dei consumi di energia elettrica riferiti alle strutture immobiliari per tipologia di business