dcsimg

Stai utilizzando una versione obsoleta di Internet Explorer.
Per una navigazione ottimale del sito ti consigliamo di aggiornare il browser ad una versione più recente: Aggiorna IExplorer

Poste Italiane: risultati finanziari del primo trimestre 2019L’utile netto è di € 439 milioni e conferma gli obiettivi del piano deliver 2022 (l’utile netto normalizzato è pari a € 231 milioni, +5,3% rispetto al primo trimestre 2018).

Rome, 8 mag 2019 07:10

  • L’UTILE NETTO E’ DI € 439 MILIONI E CONFERMA GLI OBIETTIVI DEL PIANO DELIVER 2022 (L’UTILE NETTO NORMALIZZATO E’ PARI A € 231 MILIONI, +5,3% RISPETTO AL PRIMO TRIMESTRE 2018)
  • IL FOCUS SULLA DISTRIBUZIONE HA PRODOTTO UNA MAGGIORE QUALITÀ DI RICAVI E UTILI, CON UNA RIDOTTA DIPENDENZA DA PLUSVALENZE  
  • OTTIMI RISULTATI DEI SERVIZI FINANZIARI; SOLIDI I CONTRIBUTI DEI SERVIZI ASSICURATIVI E DI PAGAMENTI E MOBILE, GRAZIE ALLA CAPILLARITA’ UNICA DELLA RETE
  • I RICAVI DA RECAPITO PACCHI SONO IN AUMENTO GRAZIE ALLA TRASFORMAZIONE OPERATIVA IN ATTO; I RICAVI DA CORRISPONDENZA SONO IN CALO, IN LINEA CON IL DECLINO STRUTTURALE PREVISTO NEL PIANO DELIVER 2022
  • CONTINUA UNA COSTANTE E RIGOROSA ATTENZIONE AI COSTI, IN LINEA CON GLI OBIETTIVI DEL PIANO DELIVER 2022  
  • PROSEGUE LA TRASFORMAZIONE DELLA FORZA LAVORO CON UNA MEDIA DI CIRCA 2.000 NUOVE ASSUNZIONI
  • GLI INVESTIMENTI DEL GRUPPO CONTINUANO A SOSTENERE LE INIZIATIVE STRATEGICHE, IN PARTICOLARE, L’AUTOMAZIONE DEL SETTORE CORRISPONDENZA & PACCHI E IT
Principali dati finanziari di Gruppo per il primo trimestre 2019
  • Ricavi di € 2.842 milioni (-1,5% rispetto al primo trimestre 2018); ricavi normalizzati1 di € 2.569 milioni (+3,5% rispetto al primo trimestre 2018), con un miglioramento della qualità dei ricavi e una ridotta dipendenza dalle plusvalenze 
  • Totale costi operativi € 2.225 milioni (+2% rispetto al primo trimestre 2018), in linea con le aspettative; l’aumento del costo del lavoro è mitigato dalla riduzione del numero dei dipendenti (FTE); aumento dei costi variabili a sostegno della crescita dei ricavi; maggior valore aggiunto pro-capite  
Risultato operativo di € 617 milioni (-12,2% rispetto al primo trimestre 2018); risultato operativo normalizzato2 in rialzo di € 20 milioni a € 351 milioni (+6% rispetto al primo trimestre 2018), evidenzia un importante progresso verso il raggiungimento degli obiettivi per il 2019
  • Le Attività Finanziarie Totali (TFA) ammontano a € 525 miliardi (+ € 11 miliardi rispetto a dicembre 2018) grazie all’andamento positivo della performance del mercato e all’incremento della raccolta netta su tutti i prodotti; i depositi sono in aumento di € 6,6 miliardi, anche per l’effetto “stagionale” dei depositi su conti della Pubblica Amministrazione; assicurazioni in rialzo di € 1,5 miliardi grazie all’’offerta multiclass; fondi di investimento + € 0,2 miliardi
  • Solvency Ratio del Gruppo Assicurativo Poste Vita (Solvency II) pari a 214% alla fine di marzo 2019 grazie alle misure di protezione dagli effetti della volatilità dei mercati; approvati dell’Autorità di Vigilanza i Fondi Propri Accessori nel primo trimestre 2019
  • Investimenti pari a € 65 milioni (+15,7% rispetto al primo trimestre 2018) in linea con la guidance 2019

Performance economica dei settori nel primo trimestre 2019
  • Corrispondenza, pacchi e distribuzione: ricavi pari a € 880 milioni (-2,1% rispetto al primo trimestre 2018); ricavi da pacchi pari a € 86 milioni, in aumento del 15%, con le attività B2C in rialzo del 35% rispetto al primo trimestre 2018; ricavi da corrispondenza in diminuzione rispetto al primo trimestre 2018, caratterizzato da positive e importanti partite non necessariamente ripetibili; i volumi di prodotti ad alto valore aggiunto (e.g. clientela business) sono in linea con le aspettative, confermando la visibilità sui trend futuri; il risultato operativo normalizzato si attesta in calo a -€ 53 milioni, in linea con le attese e con l’obiettivo 2019
  • Pagamenti, Mobile e Digitale: ricavi per € 140 milioni (+7,3% rispetto al primo trimestre 2018), grazie ai pagamenti con carte e al forte aumento del numero di operazioni; i ricavi da telefonia mobile si mostrano resilienti in un mercato competitivo; risultato operativo in linea con lo scorso anno e in aumento dell’11% escludendo l’accantonamento di € 6 milioni per IVA
  • Servizi Finanziari: ricavi per € 1.485 milioni (-3,1% rispetto al primo trimestre 2018); tutti i ricavi da distribuzione hanno contribuito positivamente: incremento dei ricavi del risparmio postale, aumento dei ricavi dalla distribuzione per conto terzi di prestiti personali e mutui ipotecari e dei ricavi da risparmio gestito. Il risultato operativo è in crescita del 9,3% pur in presenza di una riduzione del 31% delle plusvalenze. Il risultato operativo normalizzato è in crescita di € 28 milioni rispetto al primo trimestre 2018   
  • Servizi Assicurativi: ricavi per € 337 milioni (+4,3% rispetto al primo trimestre 2018) sostenuti dai prodotti del ramo Vita e del ramo Danni; i ricavi da prodotti del ramo Vita sono in aumento del 2% grazie a un incremento dei volumi dei prodotti multiclass; ricavi da prodotti del ramo Danni in aumento del 28% grazie a una offerta migliorata di prodotti welfare e CPI
  • Performance operativa dei settori nel primo trimestre 2019
  • Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione: Joint Delivery Model al 64%; il nuovo impianto di Bologna, adibito allo smistamento dei pacchi, gestisce attualmente 125.000 pacchi al giorno, a fronte di una capacità operativa massima di 250.000 pacchi al giorno; è stato firmato un memorandum d’intesa con la start-up digitale sennder per ottimizzare il trasporto di lungo raggio; è stata ampliata la rete con 1.400 punti di consegna che si aggiungono agli uffici postali
  • Pagamenti, Mobile e Digitale: impatto positivo dell’offerta integrata PostePay Connect con oltre 1.600 vendite medie giornaliere, con un aumento delle vendite medie giornaliere di carte PostePay Evolution, che si attestano a 6.600, e delle SIM a 3.300
  • Servizi Finanziari: incremento dei ricavi da distribuzione di prestiti personali e mutui ipotecari, supportati da iniziative commerciali
  • Servizi Assicurativi: costante diversificazione dell’offerta con contributi positivi dei prodotti Vita e Danni; ottimi risultati dei nuovi prodotti multi-class, con una raccolta netta di € 1,9 miliardi; il ramo Danni ha beneficiato dai prodotti welfare e CPI (collegati ai prestiti personali e ai mutui ipotecari)
ieri, il Consiglio di Amministrazione di Poste Italiane S.p.A. (“Poste Italiane” o “il Gruppo”), presieduto da Maria Bianca Farina, ha approvato i risultati finanziari per il primo trimestre del 2019 (non sottoposti a revisione contabile).
 
Matteo Del Fante, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Poste Italiane, ha così commentato: “I risultati del primo trimestre evidenziano i progressi realizzati con il piano Deliver 2022, caratterizzati dalla crescita dei ricavi ricorrenti sostenibili, da un’attenta disciplina sul versante dei costi e da una costante riduzione della dipendenza di Poste Italiane da partite non ricorrenti quali le plusvalenze. Nel corso del 2019 continueremo ad accelerare nel nostro percorso di trasformazione industriale per cogliere future opportunità di crescita. Il nuovo e moderno centro di smistamento pacchi di Bologna raggiungerà una capacità operativa di 250.000 colli al giorno; nel frattempo, stiamo continuando ad ampliare la rete di punti di consegna alternativi per i nostri clienti. Il Joint Delivery Model copre attualmente il 64% dei centri di consegna e procediamo in linea con l’obiettivo di una copertura totale entro la fine dell’anno. Gli sforzi realizzati per massimizzare il potenziale della nostra capillare rete distributiva hanno prodotto, nel primo trimestre, un miglioramento della raccolta netta su tutti i prodotti finanziari, con contributi positivi dal ramo Vita e dal Danni nel settore assicurativo, nonché dalle attività dei pagamenti e della telefonia mobile. La trasformazione della nostra forza lavoro è proseguita con nuove assunzioni nelle aree strategiche, come il recapito nell’ultimo miglio e il customer relationship management, e di specialisti digitali per realizzare il piano Deliver 2022.” 
 

RISULTATI PRIMO TRIMESTRE 2019

Mercoledì 8 maggio 2019 – 11:30am CEST

WEBCAST

https://www.posteitaliane.it/en/index.html
 

DETTAGLI CONFERENCE CALL  
Italy: +39 06 8750 0896 (Conference ID 7067447)
 

Leggi il comunicato stampa integrale in versione pdf
 

Per maggiori informazioni:
Poste Italiane S.p.A Investor Relations
Tel. +39 06 5958 4716
Mail:  investor.relations@posteitaliane.it
 
Poste Italiane S.p.A.  Media Relations
Tel. +39 06 5958 2097
Mail:  ufficiostampa@posteitaliane.it





 
 
1 Escludendo le plusvalenze e l’impatto sul fair value delle azioni Visa (IFRS 9)
2 Escludendo le plusvalenze, l’impatto dell’IFRS 9 su Visa e gli incentivi all’esodo, le minusvalenze, le variazioni di fair value dell’operazione di copertura su Visa

© Poste Italiane 2019 - Partita iva: 01114601006

vai a inizio pagina