Stai utilizzando una versione obsoleta di Internet Explorer.
Per una navigazione ottimale del sito ti consigliamo di aggiornare il browser ad una versione più recente: Aggiorna IExplorer

Poste Italiane si distingue per dimensioni, riconoscibilità, capillarità e fiducia da parte della clientela, costituendosi parte integrante del tessuto economico, sociale e produttivo del Paese. Il ruolo che riveste nei confronti della nazione rende il Gruppo responsabile del benessere delle comunità in cui opera, con la convinzione che il proprio contributo possa rappresentare uno strumento di grande valore al servizio dei cittadini e delle istituzioni in un momento così critico nella storia italiana. La pandemia da Covid-19 ha inevitabilmente plasmato una nuova quotidianità, non solo in Italia ma in tutto il mondo, richiedendo ingenti sforzi a tutti gli operatori economici al fine di identificare soluzioni che garantiscano la salute delle persone, assicurando, al contempo, la continuità del proprio business. Coerentemente con i provvedimenti governativi relativi al contenimento del virus e al distanziamento interpersonale, Poste Italiane ha rafforzato il proprio impegno nei confronti del Paese attraverso molteplici iniziative, rese possibili grazie al coinvolgimento dell’intera organizzazione.

Nello specifico, il Gruppo ha adattato le modalità di erogazione dei propri servizi in base all’evoluzione della situazione epidemiologica e ai conseguenti aggiornamenti del contesto normativo nazionale. L’Azienda si è adoperata per consegnare in anticipo le pensioni e ha garantito la continuità del servizio mantenendo aperto almeno un Ufficio Postale in ogni piccolo Comune. Al fine di garantire la salvaguardia della salute dei dipendenti e dei clienti, Poste Italiane ha consegnato un miliardo e mezzo di dispositivi di protezione individuale dall’inizio dell’emergenza sanitaria, ha distribuito 200mila test anti-Covid e ha adottato forme di lavoro flessibili (c.d. smart working) per una percentuale massima dell’85% della popolazione aziendale. Nei casi di attività incompatibili con lo smart working, come per l’ambito postale e logistico, il Gruppo ha fornito al personale tutti gli strumenti e le attrezzature necessarie (es. DPI, pannelli di plexiglass ecc.) per svolgere le funzioni di competenza in presenza in totale sicurezza. A partire dal 4 ottobre 2021 Poste Italiane ha adottato un modello di lavoro “ibrido”, promuovendo un ambiente lavorativo sia digitale che fisico, stabilendo il rientro in ufficio per un minimo di 2 giorni a settimana. L’Azienda ha inoltre offerto il proprio sostegno anche nell’ambito della campagna di immunizzazione, consentendo ai cittadini di prenotare la vaccinazione tramite diversi canali, tra i quali il portale dedicato, il call center, oppure tramite ATM nelle regioni che hanno aderito all’iniziativa. Il Gruppo ha dimostrato il proprio impegno collaborando anche al trasporto dei vaccini, mettendo a disposizione il Corriere Espresso SDA e garantendo le condizioni di conservazione del siero.

Le numerose azioni intraprese dal Gruppo risultano in armonia con i valori sottostanti la strategia di Sostenibilità del Gruppo, fondata su otto Pilastri, nonché in linea con le raccomandazioni previste dal Global Compact Network Italia, dalle linee di indirizzo UN PRI (Principles for Responsible Investment) e dalle ulteriori indicazioni in relazione agli impatti dell’emergenza Covid-19 sugli SDGs55 fornite dalle Nazioni Unite.