Stai utilizzando una versione obsoleta di Internet Explorer.
Per una navigazione ottimale del sito ti consigliamo di aggiornare il browser ad una versione più recente: Aggiorna IExplorer

Gli impatti generati da Poste Italiane L’attività di business di Poste Italiane, oltre a generare impatti diretti (ovvero strettamente legati all’attività economica dell’Azienda), richiede l’acquisto di beni e servizi prodotti da altre imprese (generando impatti indiretti) e consente alle famiglie che hanno ricevuto un reddito grazie al lavoro svolto per il Gruppo e i suoi fornitori di acquistare nuovi beni e servizi (generando impatti indotti).

Il processo di creazione di valore economico di Poste Italiane

L’attività di business di Poste Italiane, oltre a generare impatti diretti (ovvero strettamente legati all’attività economica dell’Azienda), richiede l’acquisto di beni e servizi prodotti da altre imprese (generando impatti indiretti) e consente alle famiglie che hanno ricevuto un reddito grazie al lavoro svolto per il Gruppo e i suoi fornitori di acquistare nuovi beni e servizi (generando impatti indotti).

Gli impatti generati da Poste Italiane sulla filiera riguardano tutto il territorio nazionale e coinvolgono significativamente le Piccole e Medie Imprese italiane.

Impatti generati nelle singole Aree Territoriali

Il processo di creazione di valore economico di Poste Italiane



Nel 2019 le attività operative del Gruppo, svolte al fine di produrre ed erogare beni e servizi attraverso l’utilizzo di fattori produttivi, hannoavuto impatti diretti, indiretti e indotti sull’economia italiana pari a circa 12,5 miliardi di euro di Prodotto Interno Lordo e 2,1 miliardi dieuro in termini di gettito fiscale.

È possibile stimare, inoltre, che lungo la filiera produttiva sono stati coinvolti complessivamente 189 milalavoratori.

L’utilizzo di questa forza lavoro comporta la distribuzione di redditi ai lavoratori, per un totale di 7,5 miliardi di euro.


Gli impatti generati da Poste Italiane
Indicatore significativo dell’impatto che l’Azienda ha sull’economia nazionale è il cosiddetto “moltiplicatore”, fattore che mostra l’effetto leva generato dalla spesa per acquisti da fornitori locali.

In base alle stime, la spesa di 1 milione di euro da parte di Poste è in grado di generare nell’economia impatti pari a 5 milioni di euro di PIL, 1 milione di euro di gettito fiscale, 3 milioni di euro di reddito da lavoro e di occupare oltre 70 persone nel sistema produttivo.
Considerando la Provincia della sede legale dei fornitori, sono stati identificati gli impatti indiretti generati dagli stessi in ciascuna Area Territoriale nel 2019. Gli impatti derivanti dall’attività dei fornitori di Poste Italiane sono distribuiti su tutto il territorio italiano.

Da ciò ne consegue una spinta economica e un incremento occupazionale per tutta la Nazione.

Risultati più che positivi sono stati osservati dall’analisi degli effetti delle attività di business nelle varie aree territoriali del Paese. In riferimento alle varie zone esaminate, si riscontrano valori di Prodotto Interno Lordo compresi tra i 50 milioni e un miliardo di euro.

Da ciò risulta un livello occupazionale non minore ad un migliaio di persone e un reddito da lavoro complessivamente superiore a 30 milioni di euro per area.

Impatti generati nelle singole Aree Territoriali

© Poste Italiane 2020 - Partita iva: 01114601006

vai a inizio pagina