Stai utilizzando una versione obsoleta di Internet Explorer.
Per una navigazione ottimale del sito ti consigliamo di aggiornare il browser ad una versione più recente: Aggiorna IExplorer

Inclusione finanziaria Da sempre l’Azienda, sfruttando la vicinanza territoriale alle comunità e la capillarità della rete, fornisce supporto alle categorie tradizionalmente escluse.

Da sempre l’Azienda, sfruttando la vicinanza territoriale alle comunità e la capillarità della rete, fornisce supporto alle categorie tradizionalmente escluse, che, in ragione di specifiche condizioni personali o fisiche, non hanno un accesso diretto ai prodotti e servizi fondamentali necessari per il proprio sostentamento economico e il benessere sociale.
Per questo motivo, Poste Italiane si impegna a promuovere il diritto all’accessibilità e all’inclusione attraverso lo sviluppo di prodotti e servizi che possono dare una risposta ai bisogni sociali espressi anche dalla popolazione residente nelle aree interne, periferiche o comunque soggette a situazione di svantaggio o deprivazione sociale e nella promozione e programmazione di iniziative di educazione finanziaria, in materia, soprattutto, di risparmio, investimenti, pagamenti, previdenza e assicurazione.
Il Gruppo ha sviluppato specifiche iniziative dedicate alle categorie tradizionalmente escluse, finalizzate a promuovere l’inclusione sociale e l’integrazione culturale.
 
  • Gli Uffici Postali con operatori in LIS e ATM per persone non vedenti e ipovedenti. In linea con le politiche di inclusione e di valorizzazione della diversity, l’Azienda ha sviluppato un’iniziativa sperimentale diretta all’assunzione di alcune persone non udenti che abbiano la piena conoscenza della lingua dei segni, da inserire negli Uffici Postali delle principali città metropolitane in sportelli dedicati ai clienti con lo stesso tipo di disabilità. L’Azienda prevede, inoltre, l’utilizzo di interpreti LIS per rendere fruibili nel linguaggio dei segni i messaggi e le notizie più rilevanti presenti nei canali di comunicazione digitale e per supportare l’attività di formazione o lo svolgimento dei colloqui gestionali con i colleghi non udenti. Infine, in tale ottica di inclusione, tutti gli ATM installati sul territorio sono dotati di tastiere per persone cieche e ipovedenti. Gli ATM prevedono un sistema di guida alla navigazione tramite una serie di mappe grafiche a contrasto attivabili dallo schermo e l’utilizzo di una guida vocale completa tramite l’utilizzo delle cuffie inseribili nell’apposito jack.
 
  • Le iniziative a favore dei cittadini stranieri. Poste italiane, con l’obiettivo di estendere la propria offerta di servizi ai cittadini stranieri e promuovere al contempo l’inclusione socio-economica delle comunità straniere all’interno del Paese, ha istituito gli Uffici Postali multietnici dislocati su tutto il territorio. Gli Uffici Postali dedicati ai cittadini stranieri – multietnici o monoetnici a seconda delle esigenze del territorio – sono situati all’interno di aree con elevata concentrazione di cittadini stranieri o presso aree trafficate, come ad esempio nei pressi di stazioni ferroviarie. All’interno dei 27 Uffici Postali multietnici attualmente attivi, nel corso dell’anno sono stati registrati più di 3,4 milioni di clienti serviti. Inoltre, in continuità con gli anni precedenti, nel 2019, sono state effettuate oltre 5,5 milioni di operazioni. 
 
  • L’inclusione finanziaria di senior. Nel corso del 2019, è stato inaugurato il Programma “Silver Economy” dedicato ai senior, con l’obiettivo di gestire in un unico quadro sinergico tutte le azioni del Gruppo dedicate a questo importante segmento di popolazione. Il programma ha l’obiettivo di contribuire a migliorare la conoscenza degli strumenti finanziari e digitali, attraverso un percorso di formazione condotto da esperti finanziari e digitali di Poste Italiane.
 
  • L’alfabetizzazione finanziaria. “Il Risparmio che fa Scuola” rientra tra le iniziative di maggior successo implementate dall’Azienda in materia di educazione finanziaria negli ultimi anni e si inserisce nella “Strategia nazionale per l’educazione finanziaria”. L’iniziativa è stata sviluppata con l’obiettivo di diffondere la cultura al risparmio finanziario nelle scuole ed educare i più giovani al risparmio.  Il progetto, promuove la Cittadinanza economica concentrando l’attenzione sul tema del risparmio multidimensionale come valore e strumento di progresso e di sviluppo personale e dell’intera comunità.