dcsimg

Stai utilizzando una versione obsoleta di Internet Explorer.
Per una navigazione ottimale del sito ti consigliamo di aggiornare il browser ad una versione più recente: Aggiorna IExplorer

Mission Il ruolo di Poste Italiane per lo sviluppo economico del Paese.

Poste Italiane è oggi la più grande realtà del comparto logistico in Italia ed è leader nei settori finanziario, assicurativo e dei servizi di pagamento. L’Azienda riveste un ruolo importante nel Paese, dando un forte contributo alla filiera produttiva e all’economia nazionale: investendo e operando con gli attori della propria catena del valore, produce ricchezza e occupazione non solo attraverso il proprio business, ma anche generando esternalità tramite l’attivazione di una catena di fornitura locale.

Al fine di fornire una rappresentazione completa di come l’Azienda, attraverso la sua strategia e il suo modello di business, crei valore condiviso per la società e per i suoi stakeholder in termini di risposta ai bisogni e di contributo allo sviluppo socio-ambientale del Paese, Poste Italiane ha definito un modello che stima gli impatti economici generati sul territorio sommando gli impatti “diretti” (impatti strettamente connessi all’attività economica di Poste Italiane), “indiretti” (impatti derivanti da acquisti di beni intermedi da fornitori italiani) e “indotti” (impatti derivanti da acquisti di beni intermedi da fornitori italiani).
In particolare:
  •  il Prodotto Interno Lordo è stato stimato come differenza tra il valore della produzione e i costi intermedi della produzione;
  •  l’occupazione corrisponde ai posti di lavoro sostenuti dall’attività economica di Poste Italiane;
  • il reddito da lavoro è dato dai salari e stipendi distribuiti ai lavoratori impiegati nel sistema economico grazie all’attività svolta da Poste Italiane sul territorio; 
  • il contributo fiscale considera l’insieme di somme versate alle Pubbliche Amministrazioni nazionali e locali.
Per stimare le conseguenze dell’attività economica dell’Azienda è stato utilizzato un modello di analisi degli impatti affermato in letteratura che elabora moltiplicatori “Input-Output” calcolati a partire da tavole e dati messi a disposizione dall’ISTAT e dal Ministero delle Finanze. I moltiplicatori indicano l’effetto su PIL, tasse, occupazione e reddito da lavoro derivante dalla variazione di spesa per beni e servizi prodotti da uno specifico settore produttivo.
Tali effetti sono il risultato delle dipendenze intersettoriali che caratterizzano un sistema economico, per cui le variazioni delle condizioni in un settore economico comportano ulteriori conseguenze sui settori collegati e sul sistema economico e sociale generale. I moltiplicatori sono stati applicati ai dati “di base” reperiti internamente dal Gruppo.
In un’ottica prudenziale, il modello non include gli impatti generati dalle attività di investimento; obiettivo futuro sarà stimare anche l’impatto di questa attività, creando un modello dedicato a tale scopo.

© Poste Italiane 2019 - Partita iva: 01114601006

vai a inizio pagina